CHI SONO

PARTIAMO CON IL CURRICULUM UFFICIALE:

"Sono nato a Londra il 25/06/1968 ma vivo vicino a Milano.

Mi sono laureato in Lettere e specializzato in marketing e pubblicità 

Ho lavorato per circa quindici anni dividendomi tra una cattedra di Storia al liceo e il mestiere di pubblicitario professionista.

Dal 2005 ho iniziato a occuparmi di storia e sociologia religiosa, ottenendo un D.A.  in Studi Religiosi in Texas, un master in Studi Biblici e un Ph.D. in Storia della Chiesa in Indiana (dove, per qualche tempo, ho esercitato la libera docenza).

Negli anni successivi (2008-2019), pur mantenendo la mia cattedra di Storia al liceo, mi sono anche dedicato al pastorato per una Denominazione religiosa liberale, diventandone il Responsabile per le Relazioni Internazionali e ho ottenuto un master in Giornalismo, specializzandomi in Vaticanistica.

A partire dal 2006 ho pubblicato testi di saggistica storico-religiosa con Il Melograno, Seneca Edizioni, Newburgh Seminary Press, E.M.I ed E.U.M., ricevendo varie recensioni su media cartacei e radiofonici locali e nazionali e partecipando al Salone del Libro di Torino.

Ho, inoltre, tenuto alcune conferenze e collaborato con università italiane e straniere e portali tematici (tra i quali “Centro Studi La Runa”, “Archeomedia”, “InStoria” e “Mondi Medievali” - Sito dell’Istituto di Storia Medievale dell’Università di Bari) e riviste specialistiche (“Segnocinema”, “InStoria”, “Fenix”), con oltre centocinquanta articoli pubblicati."

Nel 2021 ho pubblicato il mio primo romanzo "fiction": "MALTA 1775: IL CREPUSCOLO DEI CAVALIERI".

IS.jpg
CSLR.png
MM.jpg

MA, PARLANDO SERIAMENTE:

- ho raggiunto la mezza età facendo finta di niente;

- vivo con un cucciolo di Boston Terrier, Winston, che pesa 4 chili, mangia come se ne pesasse 40 (mantenerlo costa come avere un figlio a Harvard), ha una notevole propensione alla devastazione ed è l'unico essere vivente con cui potrei mai dividere casa mia (e, probabilmente, l'unico che sopporti di farlo);

- ho la vana speranza, costantemente frustrata, di convincere degli adolescenti che la storia sia più avvincente di Netflix;

- leggo perché non ne posso fare a meno ed è una tossicodipendenza come un'altra, scrivo perché non ne posso fare a meno ed è una tossicodipendenza come un'altra, viaggio perché non ne posso fare a meno ed è una tossicodipendenza come un'altra;

- adoro vestire in stile anni '30 e ho problemi con quasi tutti gli aspetti della contemporaneità;

- sono estremamente "posh", suscettibile e poco paziente (tranne che con Winston);

- svapo troppo perché fumare troppo (come facevo fino a qualche anno fa) costa di più e crea più problemi nel salire due piani di scale;

- spesso mi dicono che ho l'espressione cattiva ma non è colpa mia, "mi disegnano così" ...